Nazismo e ipocrisia: il Sionismo.

riots palestina

Provoca ribrezzo riferire la situazione in Palestina, tante sono le brutalità che i Palestinesi subiscono.  

palestina funerali

Durante i funerali di Mohammed Abu Khudair, 16 anni, seguiti da una grande folla, è arrivato il risultato dell’autopsia sul giovane che ha confermato purtroppo il terribile sospetto avuto al momento del ritrovamento. Il ragazzo rapito dai coloni sionisti, dopo essere stato lungamente torturato e obbligato a bere benzina, è stato bruciato vivo. La causa della morte è stata la combustione. Mohammed è stato bruciato vivo, dopo che i coloni sionisti che lo hanno rapito gli hanno fatto bere benzina. Questo è ciò che accade in Palestina.

Nel frattempo sono stati arrestati gli israeliani responsabili di aver rapito e bruciato vivo Mohammed, mentre stavano tentando di rapire un altro ragazzino palestinese a Gerusalemme Est. Si registrano sempre più di frequente casi di squadrismo da parte dei coloni israeliani. Spari dalle auto in corsa, giovani investiti o rapiti. Israele per bocca dei suoi ministri annuncia pugno duro su chi pratica forme di rappresaglia verso i palestinesi, ma in realtà nessuno ci crede. Tutta la tristemente nota “Brother’s Keeper” è in realtà una rappresaglia di Stato in violazione di qualsiasi diritto internazionale. Per giorni interi Hebron è stata completamente isolata dai ceck-point dell’esercito e numerose sono state (e lo sono tutt’ora) le violenze da parte dell’esercito.

Lo squadrismo dei coloni è cresciuto man mano che si sono intensificati i raid dei militari israeliani, di pari passo con dichiarazioni sempre più minacciose da parte del governo di Tel Aviv. Questa copertura politica, come più volte riportato, ha progressivamente generato un clima di impunità tra i coloni che sempre più spesso colpiscono bambini indifesi in varie parti della città. Il governo israeliano è pienamente responsabile di questi fatti e nessun comunicato stampa di Netanyahu e dei suoi ministri può assolvere Israele dalle enormi responsabilità sull’escalation di violenza di “Brother’s Keeper Operation” e dello squadrismo dei coloni civili. L’ipocrisia sionista sta nelle dichiarazioni del primo ministro che parla incredibilmente della “necessità di agire con cautela” mentre Gaza viene bombardata e si verificano scontri in ogni città.

Nel frattempo, crescono i dubbi sull’effettiva dinamica nel rapimento e uccisione dei tre coloni, con la versione israeliana che dà sempre per certa la responsabilità palestinese, indicando Hamas. Sospetti nel luogo dove si ritiene siano stati rinvenuti i tre coloni, ufficialmente uccisi subito dopo il rapimento. Non compaiono tracce trascinamento, lotta e sangue mentre sul casus belli dell’operazione BK prosegue la mancanza di informazioni e chiarimenti da parte del governo. D’altronde non è sicuramente una novità l’utilizzo di false-flag da parte di Israele, in particolare attraverso il Mossad, 

Nuova mazza per la Barracciu. Lei si difende: le statue erano maggiorenni.

NaraCixiri
Fonte: NaraCixiri

I nuovi guai giudiziari della sottosegretaria alla cul-tura Francesca Barracciu hanno sollevato umide polemiche tra tutti i reperti museali d’Europa.  Apprensione a Cabras tra i Giganti di Mont’e Prama.

Continua la lettura di Nuova mazza per la Barracciu. Lei si difende: le statue erano maggiorenni.

San Raffaele di Olbia (ora Bambin Gesù). Quando se ne parla seriamente?

Qatar
Da sinistra verso destra: Matteo Renzi, Francesco Pigliaru e Lucio Rispo

La Giunta regionale del presidente Francesco Pigliaru ha dato l’ok definitivo al progetto della Qatar Foundation per l’investimento da oltre 1 miliardo di euro per i 242 posti letto del San Raffaele e l’attivazione di alcuni reparti di ricerca scientifica. Dopo gli entusiastici toni utilizzati a caldo è doveroso che l’indipendentismo e tutta la società sarda si interroghino sull’effettivo merito della scelta e sulla portata delle conseguenze per il sistema socio-economico nazionale. Sarebbe perciò interessante conoscere meglio i dati, le informazioni e le analisi per le quali si considera positivo il progetto e si dà via libera all’investimento del Qatar Foundation.

Facciamo un passo indietro, torniamo al 2011. I dati sulla mobilità sanitaria evidenziano per la Sardegna un ammontare di crediti (pazienti non residenti in Sardegna che hanno usufruito di cure nell’Isola) per 18.050.313 euro. Al contrario, i residenti sardi che hanno usufruito di prestazioni in strutture extra-regionali generano un debito per la sanità sarda pari 84.001.905 euro,  con un saldo dunque pari a – 65.951.592 euro. Un dato in peggioramento rispetto al biennio positivo del 2008-2009 dove il saldo non raggiungeva i 57 milioni.

Secondo Pigliaru, sarà possibile “recuperare il 50% della migrazione passiva della Regione“. Si parla di una riduzione di tale voce, più correttamente nota come mobilità passiva, che secondo i dati diffusi dal governatore ammonta attualmente a 62 milioni di euro. 

In attesa che maggiori informazioni siano fruibili da parte dell’opinione pubblica, si può sottolineare che una riduzione di mobilità passiva pari a 31 milioni di euro appare già a primo impatto un dato quantomeno sovradimensionato. La struttura in esame conterebbe su 242 posti letto, più 50 posti letto per “solventi”, ossia per pazienti (o compagnie assicuratrici, fondi o enti loro collegati che hanno stipulato una convenzione con la struttura) che si fanno carico di tutte le prestazioni sanitarie e domestico alberghiere erogate. Secondo i dati del Ministero della Salute, Direzione Generale del Sistema Informativo e Statistico Sanitario, al 2012 in Sardegna sono presenti 6.451 posti letto suddivisi in “acuti” (6.105) e  “non acuti” (364).  Alla luce di questi dati è naturale chiedersi com’è possibile che meno di 250 posti letto possano spostare un ammontare di risorse così rilevante alla voce mobilità passiva.

Oltretutto Pigliaru si è pronunciato anche sui presunti vantaggi sul lato della mobilità attiva e “all’integrazione con la rete ospedaliera territoriale” propedeutica ad “attrarre pazienti dall’Italia, dall’Europa e dal Qatar“.

Tra le dichiarazioni di Pigliaru e dell’assessore Arru, emerge una visione socioeconomica dei servizi sanitari alla stregua di un business e di una mera competizione che attragga (e concentri) pazienti in un unico polo di riferimento, ricalcando in maniera non troppo lontana le logiche di concentrazione industriale che tanto spopolamento e desertificazione hanno portato nelle comunità della Sardegna.  Ma qui stiamo parlando di sanità e un modello a “polo di sviluppo”, già di per se fallimentare, implica rischi ancora maggiori se applicato ai servizi sanitari pubblici e alla loro organizzazione sul territorio nazionale sardo. Un europeista come Pigliaru sa bene, a proposito di crescita regionale, che già la prima riforma dei Fondi Strutturali della Comunità europea, datata 1988, venne in parte influenzata dagli enormi limiti mostrati dal concetto di polo di sviluppo nella riduzione dei divari di crescita.

Di polo ha parlato diffusamente anche l’Assessore alla Sanità, Luigi Arru, e per queste ragioni è opportuno evidenziare come in questo ambito, e a maggior ragione in quelli sanitari alla luce dei fenomeni di mobilità, è totalmente fuorviante considerare i servizi stessi alla stregua di un “import-export”. Al di là dei toni entusiastici del governo regionale, sul tema è importante segnalare un interessante articolo. http://www.quotidianosanita.it/studi-e-analisi/articolo.php?articolo_id=11939.  

Si analizza più approfonditamente il fenomeno della mobilità in senso critico, utilizzando allo scopo la banca dati SDO del Ministero della Salute. Il fenomeno della mobilità è piuttosto delicato in quanto, per definizione, indica se vogliamo una situazione di “intrinseco disequilibrio”: non tutti i residenti di una regione, per varie ragioni, si rivolgono a strutture ubicate nella propria regione. Il giro d’affari della mobilità sfiora i 4 miliardi all’anno e in Italia si stima che circa 860.000 persone ogni anno usufruiscano di cure al di fuori della propria regione. Un approccio di business strategico può portare grossi squilibri e diseguaglianze, non solo della Sardegna nei confronti delle regioni d’Italia, ma soprattutto per quanto riguarda la mobilità infraregionale e i servizi erogati, ovvero quando ci si riferisce alle medesime grandezze poc’anzi discusse considerandole a livello delle ASL di un’unica regione.

Riguardo le implicazioni di questo approccio industriale alla Sanità si è pronunciata anche l’ex consigliera regionale, Claudia Zuncheddu. Il Piano industriale del Qatar non è sufficiente per indurre la nuova Giunta a firmare l’accordo in tutta fretta e garantire il diritto dei sardi alla salute. L’ultima parola spetta alla politica, con il passaggio nelle Commissioni competenti e il pronunciamento del Consiglio“. La stessa ha proseguito sulla mancanza di coinvolgimento delle strutture locali, e “il parere delle strutture ospedaliere esistenti nei nostri territori, quelle che hanno il reale polso della situazione sanitaria“.

Manca difatti in toto una seria analisi costi-benefici riguardo le ripercussioni che il progetto avrà sulla sanità sarda, specialmente per la Gallura e il Paolo Dettori di Tempio Pausania per il quale, da anni, si parla di interventi di modernizzazione e potenziamento di alcuni reparti. La struttura, in antitesi quindi con le intenzioni di concentramento proposte dalla Giunta regionale e dalle intenzioni di soppressione dei piccoli ospedali a livello italiano, è un punto di riferimento imprescindibile per il capoluogo dell’Alta Gallura e per un bacino di popolazione di oltre 30.000 abitanti.

Il trend generale in Italia non è rassicurante, con i posti letto che sono diminuiti del 22% in 12 anni, passando da 296.000 nel 2000 ai 230.000 del 1° gennaio 2012. A spending review conclusa si scenderà a 224.000. Non è un caso che “l’operazione San Raffaele” a livello statale sia stata approvata in deroga, un regime che dovrebbe concludersi nel 2017.  Per non parlare poi del “Patto per la salute” del governo Renzi, con la Sardegna che deve tagliare 281 posti letto.

Quello che più preoccupa è un elemento figlio della mancata valutazione in precedenza richiamata. Siamo difatti, come spesso accade, davanti ad un progetto win-win. Unicamente vantaggi, il San Raffaele e l’investimento del Qatar porteranno solo benefici per tutti. Il punto non è esclusivamente considerare eventuali “effetti collaterali”, magari motivando con chiarezza e rigore i vantaggi che compensano più che proporzionalmente gli svantaggi. Ciò avrebbe una qualche logica e si potrebbe dibattere sulle ragioni attraverso le quali, in conclusione, si fonda l’opzione Qatar. Al contrario, in questi giorni abbiamo appreso come la decisione, magicamente, non implichi alcun trade-off. Apparentemente si è davanti al programma pubblico perfetto. Ai sardi la scelta se farsi guidare dall’emozione del maxi-investimento o se chiedere conto in modo più preciso delle analisi che lo giustifichino. Appare doveroso in quanto cittadini e lo è ancora di più nel momento in cui tali giustificazioni devono pervenire da chi a più riprese in campagna elettorale ha posto l’accento su trasparenza, condivisione e valutazione.

http://www.ilminuto.info/2014/07/san-raffaele-di-olbia-ora-bambin-gesu-quando-se-parla-seriamente/

Precipita la situazione in Palestina

gaza

Ritrovati cadavere i tre giovani israeliani scomparsi due settimane fa. Israele annuncia rappresaglie, alcuni morti e una bambina di 9 anni in fin di vita. Hamas: sarà l’inferno. Il Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina: la lotta e la resistenza all’occupazione continuano nonostante gli arresti. Continua la lettura di Precipita la situazione in Palestina

Dipendenti Cinquestelle Sardegna: lo sciopero prosegue

5 Stelle Sardegna

Con hashtag “Gratis lavora tu” e tesserini dell’Associazione Stampa Sarda fatte a pezzi, prosegue la protesta dei dipendenti dell’emittente televisiva Cinquestelle Sardegna. Il muro contro muro tra i dipendenti e l’editore Gianni Iervolino ha portato i primi alla decisione di proseguire lo sciopero alla luce del fatto che Iervolino non ha alcuna intenzione di saldare le spettanze arretrate ai 20 dipendenti dell’emittente gallurese. Agli stessi inoltre va riconosciuto di aver evitato in passato, con grossi sacrifici, la chiusura dell’emittente. Vista la situazione e gli sforzi sostenuti in passato, i dipendenti sono ben lontani dall’essere ripagati in modo soddisfacente. Di seguito il comunicato dei dipendenti in agitazione.

“I dipendenti dell’emittente televisiva 5 Stelle Sardegna, giornalisti tecnici e amministrativi, a seguito dell’incontro con la proprietà svoltosi questa mattina hanno deciso di proseguire nello sciopero in assenza di garanzie sul pagamento degli stipendi arretrati. L’assemblea dei dipendenti, all’unanimità, ha proclamato altri due giorni di sciopero per domani, sabato 28 e lunedì 30 giugno dal momento che, nel corso dell’incontro con l’editore Gianni Iervolino, è emersa in modo chiaro l’indisponibilità da parte della proprietà a versare neanche una mensilità delle ormai quasi quattro arretrate. La protesta, evitata per lungo tempo con grande senso di responsabilità da parte dei dipendenti di 5 Stelle Sardegna, si rende necessaria per l’ormai insostenibile situazione economica legata al mancato pagamento degli stipendi. Si attende il pagamento degli stipendi di marzo, aprile e maggio mentre stanno per maturare anche le spettanze del quarto mese, giugno. All’estrema precarietà non più sostenibile si aggiunge l’incertezza sui tempi di pagamento della quota spettante all’Inps ferma al dicembre 2013″.

Quirra. Aspettando l’11 luglio, qualcosa sulla superperizia Mariani

quirra al pascoloLo scorso 18 giugno si è tenuta la prima udienza davanti al Gup Nicola Clivio riguardo al “processo Quirra”. Il Pm Domenico Fiordalisi ha riconfermato il rinvio a giudizio per i 20 indagati: militari e comandati del PISQ, medici e periti della società di valutazione SGS (Gruppo Fiat) e dell’Università di Siena, incaricate negli anni passati di effettuare degli studi al fine di accertare i livelli di inquinamento nel PISQ. Ma non solo.

Continua la lettura di Quirra. Aspettando l’11 luglio, qualcosa sulla superperizia Mariani

Per la verità, per la Palestina.

bambino palestinese

L’operazione israeliana “Brother’s Keeper” è purtroppo entrata nel vivo. I tre ragazzi israeliani recentemente  scomparsi hanno dato vita ad un’immediata caccia all’uomo in tutta la Palestina da parte dell’esercito  israeliano,  persino con la presenza tra le truppe a Hebron del ministro della difesa, Moshe Yaalon. Netanyahu si dice sicuro delle responsabilità di Hamas.

Da subito i rastrellamenti si sono concentrati a Hebron, dove Israele ritiene vengano detenuti i tre giovani. Da subito le “ricerche” si sono trasformate in veri e propri rastrellamenti al di sopra di qualsiasi funzionamento minimo di uno Stato di diritto. Un’impressionante escalation di morti e feriti con il consueto accanimento gratuito verso i bambini: la vittima più giovane nelle ultime settimane avrebbe 6 mesi.  Oltre a vandalismo, da parte dell’esercito si registrano furti nelle case, umiliazioni di ogni genere, occupazione in armi delle moschee. La situazione è precipitata nelle ultime 24 ore e il popolo palestinese sin’ora non ha messo a segno nessuna reazione consistente. Risulta ferito in modo non grave un solo soldato israeliano dall’inizio delle operazioni che hanno causato circa 500 arresti,  il vandalismo su oltre 2000 abitazioni e famiglie e la distruzione intenzionale di derrate alimentari in un territorio già impoverito e sottomesso.

Con le ricerche dei rapiti Israele rastrella Hebron e, contemporaneamente, ha buoni motivi per bombardare Gaza in quanto roccaforte di Hamas. Ma non solo. Nablus, Ramallah, Rafah e altre città, tutte sotto attacco da giorni. La Palestina è sotto attacco ma ciò che sta accadendo non può configurarsi come un conflitto, bensì una pulizia etnica e una violazione dei diritti umani a 360°.

Tel Aviv minaccia l’interruzione di corrente durante il Ramadan mentre viene ulteriormente ristretto il regime carcerario per i prigionieri politici palestinesi: senza visite per due mesi. L’accanimento più brutale è però sui bambini: vengono arrestati, bendati, incatenati e malmenati da soldati israeliani sia durante il raid in senso stretto che in momenti di noia. Così, per le strade è in corso una caccia all’uomo o bambino, dipende dall’occasione, e colonne di soldati continuano ad arrivare a Hebron. Alcuni girano per le strade festanti esibendo la stella a 7 punte e data la sproporzione delle forze in campo e i metodi dell’esercito le operazioni poco hanno a che vedere con la ricerca di rapiti, ma si palesano per ciò che sono, ovvero atti di squadrismo e terrorismo sulla popolazione.

soldati israeliani

 

Feriti e danni imprecisati a Gaza dove l’aviazione bombarda nella notte.

attacco a Gaza

 

Nel frattempo in Italia, dopo l’oscurantismo della stampa, l’intellighenzia e l’alta politica tricolore proseguono nel proprio disinteresse. Del resto, come aspettarsi solidarietà e prese di posizione da chi, come Roberto Saviano, più volte si è espresso positivamente circa le libertà sioniste e la democrazia israeliana. Nel 2010 partecipò in videoconferenza a Roma ad un convegno sionista “Per la verità, per Israele”.

Non più tardi di poche settimane fa in molte città italiane comparvero striscioni e vennero organizzate iniziative a favore del governo golpista di Kiev che sta seminando da settimane il terrore nel Donbass. Non a caso il primo ministro Matteo Renzi si è dichiarato favorevole alle “riforme” intraprese dal nuovo governo riformista ucraino. Oggi a Roma sull’operazione israeliana un’altra inquietante pagina italiana.

operazione bringbackourboys

A differenza della guerra in Siria e della svolta neo-fascista in Ucraina, in questo caso complessivamente il governo e i media italiani preferiscono direttamente ignorare i crimini che l’esercito israeliano compie sulla popolazione palestinese. Papa Bergoglio, nell’ennesimo anatema della sua legislatura, si è scagliato contro la tortura, successivamente al suo ritorno proprio da un viaggio nei territori sotto occupazione. Evidentemente sarà giunta notizia delle torture dei medici israeliani sui prigionieri palestinesi in sciopero della fame che vengono sottoposti ad alimentazione forzata. Procedura a cui molto spesso fa seguito la morte.

 

Aggiornamenti dalla Palestina: 2 morti.

Le notizie  dalla Palestina durante l’ultimo fine settimana non fanno ben sperare. Scontri a Ramallah, mentre proseguono serrate le incursioni a Hebron e nei villaggi vicini.

Nella principale città della Cisgiordania tra sabato e domenica l’esercito israeliano ha sparato lacrimogeni nelle vie. Nonostante l’assenza di reazione della popolazione completamente inerme, interi quartieri sono stati invasi dal fumo.

Continuano ad arrivare in città colonne di militari israeliani e si contano quasi 2000 abitazioni devastate nelle perquisizioni.

lacrimogeni hebron 2 lacrimogeni hebron

A Ramallah si registra un morto, Mahmoud Attallah, 30 anni. L‘altra vittima a Nablus dove è caduto Said Khaled, 36 anni, raggiunto da quattro colpi di fucile mentre si recava in Moschea per la preghiera del mattino. 

martire palestinese 2funerale martire 36 annifunerali palestina 2Secondo l’agenzia di stampa Maannews dei coloni israeliani avrebbero aperto il fuoco durante il funerale di M. Attallah nel sobborgo di Jabal Al-Tawil (Ramallah), causando un ferito. Il totale dei palestinesi incarcerati nei rastrellamenti israeliani nelle città e campi profughi della Cisgiordania è salito a 410.

Hamas non rivendica. A Hebron i rastrellamenti continuano.

Hebron (Cisgiordania).

George Orwell ha descritto una realtà ben precisa con “1984”.

giornalisti israele

Orwell ha parlato del giornalismo in modo piuttosto significativo: “La libertà di stampa è dire alla gente cosa non vorrebbe sentirsi dire“. In queste poche parole è contenuta l’essenza del messaggio orwelliano, la forza dell’informazione come motore di cambiamento. Oggi pochi scatti sono sufficienti a mostrare all’Occidente ciò che si ostina a non voler vedere. Nel terrore di questi giorni sulla popolazione, è grazie a giornalisti freelance e attivisti, oltreché al popolo palestinese che resiste e si riorganizza, che si hanno notizie non filtrate circa la situazione nei Territori Palestinesi

Hamas continua a negare qualsiasi coinvolgimento nel presunto rapimento di tre adolescenti israeliani –  “è un onore rapire soldati israeliani, ma non siamo stati noi” – mentre in Italia prosegue un oscurantismo pressoché totale da parte delle principali reti di informazione. Hebron è sotto isolamento. Una volta entrati in West Bank dalla Giordania non si esce più.

giornalisti arrestati in israele 2

giornalisti arrestati in israele
Giornalisti fermati a Hebron durante un’incursione israeliana.

Dopo le irruzioni nelle moschee, controlli a tappeto anche su personale medico e soccorritori.

ceck point israeliano

Scatto rubato. Militare israeliano che ispeziona un'ambulanza  nei pressi di Hebron.
Scatto rubato. Militare israeliano ispeziona un’ambulanza nei pressi di Hebron.

 

Ultimo saluto al martire Mahmoud

Hebron (Cisgiordania).

Si sono tenuti nel pomeriggio i funerali del giovane Mahmoud, 13 anni, ferito mortalmente al petto dall’esercito israeliano nella notte tra giovedì e venerdì.

martire

In decine di migliaia hanno accompagnato il feretro lungo le strade di Hebron urlando il loro sdegno per il giovane martire. Nel frattempo l’assedio su Hebron si fa sempre più stringente, continuano ad arrivare in città militari israeliani mentre i ceck-point hanno ormai isolato la città, dalla quale nessun palestinese può uscire.

10500289_10203451878671221_8189622777464871687_nfunerali Hebronfunerali Hebron 2funerali Hebron 3funerali Hebron 4funerali Hebron 5bambino ucciso hebron