Lavoro, produzione e riproduzione: questionario su condizione femminile in Sardegna

Questionario sulla condizione produttiva e riproduttiva della donne in Sardegnahttps://bit.ly/2J9wGac

Dopo la presentazione del primo bilancio semestrale delle attività, Telèfonu Ruju ha predisposto un questionario per indagare e analizzare le condizioni e i rapporti di genere in Sardegna. La campagna è curata da Caminera Noa e USB.

La pagina Facebook di Telèfonu Ruju è https://www.facebook.com/telefonuruju/. Inoltre, TR è presente sul territorio sardo con diversi sportelli: Cagliari, Sassari, Oristano e Olbia.

Nel questionario proposto l’analisi del differenziale di genere considera la vita a 360° e tutti gli aspetti economici. Tanto quelli di mercato, quanto nel non mercato e, in particolare, nel lavoro riproduttivo, domestico e di cura. Una mole di lavoro che in numerosi paesi costituisce a seconda delle stime un valore raffrontabile all’ammontare dello stesso Pil tradizionale.

Nonostante questo monte lavoro, sostenuto in larga parte dal genere femminile, non sia formalmente retribuito costituisce un valore necessario e imprescindibile nel funzionamento reale e vitale del sistema socioeconomico. L’insieme relazionale di attività nei servizi del lavoro domestico e di cura, tanto su infanti quanto su anziani, è ciò che mette in condizione di attivare e sostenere l’intera massa lavoratrice.

L’argomento, assieme a diverse altre lotte, sarà trattato anche nella prossima assemblea plenaria di Caminera Noa, in programma per il prossimo 31 marzo a Bauladu. I lavori sono previsti a partire dalle ore 10:00 nei locali della Biblioteca comunale.

Qui il link all’evento https://www.facebook.com/events/648346242269162/

Link al questionario https://bit.ly/2J9wGac

Cagliari, 8 marzo in lotta: aderisce anche Caminera Noa

L’8 marzo, Giornata internazionale della donna, è in programma a Cagliari uno sciopero promosso dalla rete Non Una di Meno – Manc’Una de Mancu, riguardo la violenza e lo sfruttamento di genere. Discriminazioni che risalgono alla notte dei tempi e che oggi si rigenerano in vecchi e nuovi attacchi al genere femminile. Dalla violenza fisica, domestica e sul lavoro, ai sempre più forti venti antiabortisti, dal salary gap sul mercato, passando per il lavoro non di mercato, quasi completamente a carico delle figure femminili nei contesti familiari.

Numerose le realtà aderenti all’iniziativa. Qui il link Facebook dell’evento e l’elenco completo https://www.facebook.com/events/1133343803496286/

Oltre alla partecipazione di studentesse e studenti universitari e non solo, tra le tante adesioni figura il Laboratorio Politico Sa Domu, il quale nei giorni scorsi ha organizzato un evento di raccolta fondi, RUAS – Rete Unitaria Antifascista Sulcis-Iglesiente e l’ASCE, storica associazione sarda che da oltre 30 anni si batte contro ogni fenomeno di discriminazione ed emarginazione sociale.

“Oltre al lavoro produttivo, ad esse è stato poi affidato, storicamente e socialmente, il lavoro riproduttivo, che comprende tutte le attività che sono connesse con la riproduzione della vita e con la sua cura: lavoro domestico di gestione della casa, cura ed educazione dei figli, assistenza ai familiari. Questo lavoro, oltre a non essere riconosciuto e a venire spesso dato per scontato, è indispensabile per il funzionamento dell’intero sistema economico” – scrive Caminera Noa in una nota di adesione alla giornata.

Appuntamento, dunque, a partire dalle ore 9:00 ai Giardini pubblici. Il corteo attraverserà viale Regina Elena, Piazza Costituzione, viale Regina Margherita, Piazza Darsena, via Roma e Largo Carlo Felice per concludersi, infine, in Piazza Yenne.